Discografia

 

Cantico di frate sole

Produttore: Erreffe Edizioni Musicali
Anno: 2009
Opere: Cantico di frate sole

Nota biografica di Francesco d’Assisi
Ad Assisi, tra il 1181/82, nasce Giovanni, figlio di Pietro Bernardone e donna Pica, poi Francesco. Aveva circa 24 anni quando rinuncia ai beni paterni e dopo aver letto e ascoltato il vangelo a lungo, nel 1209, si reca da papa Innocenzo III che approva, oralmente, il suo proposito di vita evangelica. Determinanti per la sua nuova vita furono l’incontro coi lebbrosi e il colloquio con il Crocifisso di san Damiano che orientarono definitivamente le sue scelte. L’esperienza della malattia e la dura prigionia, sofferte in seguito alla guerra tra Assisi e Perugia, dovettero indurlo a ripensare gli ideali giovanili legati alla cavalleria. Le ambizioni e la vivacissima intelligenza del giovane Francesco da quel momento furono a servizio della predicazione della novità evangelica. Questo lo scopo che lo portò pellegrino nel visitare soprattutto il centro Italia. L’11 novembre 1223, papa Onorio III, approva definitivamente la regola di Francesco e dei suoi compagni, dopo alcune esperienze di predicazione e in seguito all’incontro, tenutosi alla Porziuncola, di circa 5.000 fratelli provenienti da tutta Europa. Nel 1220 rientra dalla sua missione in Terra Santa accompagnato dalla notizia che 5 suoi compagni erano stati martirizzati in Marocco nel gennaio di quello stesso anno. Provato dalle penitenze nel fisico, nel settembre 1224, riceve le stimmate, sulla Verna e, il 3 ottobre 1226, muore, nudo sulla nuda terra, alla Porziuncola di Assisi, inneggiando al suo Signore. Il riferimento universale a san Francesco è dovuto alla sua diversa santità. In lui trova espressione il profondo amore verso ogni creatura e la comprensione tenerissima del dolore umano. La sua vita è un manifesto semplice di grandi idee, di libertà mentale, di tolleranza e di pace. Un uomo proclamato santo per aver affrontato, con umiltà e serietà, i reali problemi di chi non vuole fuggire le dure esigenze del vivere.

Il Cantico delle creature di Francesco d’Assisi
Composto verso la fine della sua esistenza è la lauda più famosa di Francesco e il suo unico scritto in volgare umbro. È di dodici-tredici strofe e 33 versi. Esso da solo rappresenta un testo eccezionale celebrato come il pezzo più bello di poesia religiosa dopo i vangeli, o come la gemma della nascente letteratura italiana, o, come, ancora, l’espressione più completa dell’animo e della spiritualità del poverello di Assisi. Senza dubbio, il Cantico è, allo stesso tempo, sublime preghiera e altissima lirica. Nel suo insieme, nella prima parte (vv. 1-22) è un inno di lode e di ringraziamento a Dio: di lode dell’uomo a Dio e a tutte le sue creature in quanto belle e benefiche opere sue (quelle ricordate, sono tutte creature inanimate: sole luna stelle, e le quattro componenti cosmiche: aria, acqua, fuoco, terra); inno di ringraziamento allo stesso Creatore per i benefici di quella sua minuta creazione a vantaggio dell’uomo.
Nella seconda parte (vv. 23-31), che considera gli uomini, è un ricordo di benedizione divina per coloro che operano bene sulla terra: i pacifici, i sofferenti, coloro che sostengono in pace dolori fisici e afflizioni morali per amore di Dio; quindi la lode a Dio per l’ultima e universale sorella degli uomini, la morte corporale, nefasta per i peccatori e beatificante per i giusti. Infine, in eco all’invocazione e al tema iniziale, l’invito accorato a tutti gli uomini a benedire, a ringraziare, a servire, il Signore, sulla terra, cum grande umilitate.
Ma il segno stilistico di Francesco non è un discorso sui massimi sistemi e neppure l’invito morale ad essere migliori. Francesco suggerisce, per una sorta di malcelata discrezionalità testimoniale, la semplicità di un "mondo" che già vive nell’uomo: basta accorgersene.

Padre Alvaro Cacciotti - Direttore del Centro Culturale Aracoeli della Provincia Romana dei Frati Minori

Musica di Marco Ferretti
[01] 02.14 Cantico di frate sole - Altissimu, onnipotente, bon Signore
[02] 04.09 Cantico di frate sole - Laudato sie... messor lo frate Sole
[03] 03.51 Cantico di frate sole - Laudato si'... per sora Luna
[04] 03.27 Cantico di frate sole - Laudato si'... per frate Vento
[05] 04.55 Cantico di frate sole - Laudato si'... per sor'Acqua
[06] 02.53 Cantico di frate sole - Laudato si'... per frate Focu
[07] 03.06 Cantico di frate sole - Laudato si'... per sora nostra matre Terra
[08] 03.31 Cantico di frate sole - Laudato si'... per quelli ke perdonano
[09] 06.50 Cantico di frate sole - Laudato si'... per sora nostra Morte corporale
[10] 02.10 Cantico di frate sole - Laudate e benedicete mi' Signore

 

Gloriosa

Produttore: Erreffe Edizioni Musicali
Anno: 2007
Opere: Magnificat, Ave Regina, Gloriosa

Sono lieto di presentare questa raccolta di brani di musica sacra in onore della Vergine Maria. Il giovane compositore ha voluto rifarsi alla melodia del canto gregoriano che ha accompagnato per secoli la preghiera liturgica della Chiesa e che ancora oggi riesce a parlare al cuore del credente. In questa composizione, la figura di Maria, il suo sì al piano di Dio e il suo canto di lode al Creatore, si fanno ancora una volta parola e musica che riescono ad aprire all'ascoltatore attento, orizzonti di meditazione e di preghiera. In un mondo sempre più impegnato nella dimensione materiale della vita, questa musica è un invito a lasciare spazio alla fede e alle sue verità, dando così vigore alla speranza che ancora oggi è possibile elevare il nostro animo ai valori dello spirito e al trascendente. Mentre mi congratulo con l'autore per il suo prezioso lavoro, auguro che le note di questo CD possano aiutare l'ascoltatore ad aprirsi sempre più al mistero divino.

Mons. Giuseppe Orlandoni - Vescovo di Senigallia

Musica di Marco Ferretti
[01] 12:37 Magnificat
[02] 03:58 Ave Regina
[03] 03:34 Gloriosa - Introitus
[04] 04:14 Gloriosa - Kyrie eleison
[05] 01:24 Gloriosa - Alleluia
[06] 02:15 Gloriosa - Offertorium
[07] 02:41 Gloriosa - Sanctus
[08] 03:04 Gloriosa - Agnus Dei
[09] 03:46 Gloriosa - Communio

 

Reminiscence

Produttore: CONTINUO RECORDS
Anno: 2012

I songs di John Dowland, la chitarra a dodici corde di Marco Poeta, la voce calda e intensa di Alessandra Losacco per un progetto ricco di emozioni. Marco Poeta, tra i migliori e più originali chitarristi acustici italiani, reinventa John Dowland e la musica elisabettiana attraverso la sua amata chitarra a dodici corde. Adottando per il suo strumento una tecnica assolutamente unica e innovativa, quella della chitarra portoghese del fado di cui è un apprezzato specialista, Marco Poeta trasforma la dodici corde in “un nuovo liuto che dispiega una imprevedibile ricchezza timbrica ed armonica”, come scrive Moni Ovadia nelle note di presentazione del disco. Il progetto comprende sei tra i più toccanti songs di John Dowland, più uno straordinario brano vocale di Robert Johnson (suo contemporaneo), tutti affidati all'intensità espressiva e ai caldi colori della voce di Alessandra Losacco alla quale si aggiunge, per alcuni brani, il trio di voci del New Vocal Ensemble. Così reinterpretati, senza ansie filologiche ma con profondo amore e intelligenza musicale, i songs di Dowland nascono a nuova vita in tutta la loro vibrante emozione. Marco Poeta, ispirandosi alla musica elisabettiana, ha completato questo tributo a John Dowland con alcune sue incantevoli composizioni per la sola chitarra a dodici corde che, grazie alla particolare tecnica adottata, rivela un mondo sonoro suggestivo e inaspettato.

dalla presentazione dal sito internet CONTINUO RECORDS

[03] 00:00 John Dowland Come again
[06] 00:00 John Dowland Sleep wayward thoughts
[10] 00:00 John Dowland Fine knacks for Ladies
[11] 00:00 Robert Johnson Have you seen but a bright lily grow?

www.marcoferretti.com

Copyright © 2010-2017 Marco Ferretti